items - Paga (Paypal/Carta)
Vai al Carrello Svuota il Carrello

X CHIUDI

lov 031 || La Bambola || Patty Pravo || Pistrice

/\
\/

La Bambola (3’ 09’’)
Patty Pravo – 1968

1968. In Italia, in Europa e nel mondo succede di tutto, lo sappiamo e non vale la pena riscriverlo qui; sennonché tra il tutto che accade quell’anno esce anche Patty Pravo, l’album di debutto di Nicoletta Strambelli (in arte: Patty Pravo), ventenne veneziana giunta a Roma per mettere a ferro e fuoco la scena musicale nazionale. Epicentro del terremoto era il Piper, il club di via Tagliamento, di fronte al sognante quartiere Coppedè, dove cantanti, artisti e fotografi si davano appuntamento. Dopo Ragazzo triste, arriva La bambola e per Patty Pravo si schiudono le porte del successo mondiale. La canzone fu scritta da Franco Migliacci (testo: sì, lo stesso autore di Nel blu dipinto di blu, Ma che freddo fa, Il cuore è uno zingaro), Bruno Zambrini e Ruggiero Cini (musica). Nei versi, la biondissima Patty canta di una ragazza stufa di essere una delle tante, quasi un oggetto e nulla più… l’ambiguità, se vogliamo, è nella sensualità con cui la ragazza ripete “tu mi butti giù, tu mi fai girar”. Stufa ma non troppo, ecco. Da allora, poche cantanti nel pop italiano hanno saputo rappresentare l’ambiguità sentimentale meglio di Patty Pravo.

Bio
Pistrice
Francesca Protopapa, alias Pistrice, è nata a Roma e nel 2004 si è trasferita a Parigi per lavorare come grafica e illustratrice.
Il Pistrice ama disegnare le donne, catturando i loro sguardi ed esplorando la femminilità in tutte le sue forme.
Il suo pseudonimo, dal latino pistrix, designa un mostro marino leggendario che simboleggia la paura de l’ignoto.

| lov 031
| La Bambola
| Patty Pravo
| Pistrice
<< Trascina con il mouse per vedere l'illustrazione >>
<< drag me >>