items - Paga (Paypal/Carta)
Vai al Carrello
(info spedizioni)
Svuota il Carrello

X CHIUDI

lov 070 || Bianca || Afterhours || Alfio Martire

/\
\/

lov 070
Bianca (4’ 34’’) Afterhours – 1999

“È uno dei brani che non mi sono mai stancato di suonare”, ha detto qualche tempo fa Manuel Agnelli riferendosi a Bianca, scritta e cantata con gli Afterhours sul finire degli anni Novanta (e si sente, che siamo in quel decennio, e che quel decennio sta per finire). E c’è da credergli, prima; e dopo, c’è da essergliene grato, perché è una canzone incantevole, elegante, e se continua a cantarla è una fortuna. Bianca fu uno dei singoli tratti da Non è per sempre, un album tra quelli di maggiore successo commerciale della band milanese, pubblicato due anni dopo i fasti di Hai paura del buio? – il disco che più di tutti li ha innalzati sull’Olimpo del rock italiano. Di recente, Manuel ne ha incisa una nuova versione, duettando con un’altra regina dei Novanta, Carmen Consoli, con un arrangiamento più fresco ed essenziale, meno elettronico. «Lo sai / che tu sei troppo bianca per restare / mano nella mano con te stessa / e non voglio certo che tu sia/ la mia più bella cosa mai successa», canta Agnelli, mentre – nella versione originale del 1999 – anche la musica si fa stranamente cristallina e pura, proprio come fosse “Bianca” anche lei, la musica; in un’atmosfera che pare rarefatta, con scaglie di luce che brillano intorno. “Sei il colore che non ho / E non catturerò / Ma se ci fosse un metodo / Vorrei che fosse il mio”.

Alfio Martire
Sono Alfio Martire, un giovane illustratore di Roma. Cerco di usare la creatività in tutto quello che faccio, per capire meglio me stesso e per comunicarlo agli altri. Credo nella fantasia e nei sogni. Credo nella poesia e nella musica. E credo che il disegno sia la forma d’arte che si avvicini di più a quello che chiamano amore.

| lov 070
| Bianca
| Afterhours
| Alfio Martire
<< Trascina con il mouse per vedere l'illustrazione >>
<< drag me >>