items - Paga (Paypal/Carta)
Vai al Carrello
(info spedizioni)
Svuota il Carrello

X CHIUDI

lov 144 || Vision Of Johanna || Bob Dylan || Ste Tirasso

/\
\/

lov 144
Visions Of Johanna (7’ 29’’) Bob Dylan – 1966

Secondo Andrew Motion, un critico letterario inglese, Visions Of Johanna è il miglior testo rock di sempre, il pezzo liricamente più riuscito di un autore che poteva ambire con la legittimità del caso al premio Nobel per la Letteratura. Motion affermò questa cosa nel 1999; chissà se immaginava che da lì a diciassette anni l’Accademia di Svezia lo avrebbe accontentato, assegnando il Nobel proprio a Dylan. Nelle motivazioni, Visions Of Johanna non viene citata; ma l’opinione di Motion su quanto questo testo sia fuori dal comune non è di sicuro isolata. La canzone racconta di un triangolo amoroso, cambiando continuamente il punto di vista, partendo dal narratore e passando alla Johanna del titolo alla Louise ricorrente nel pezzo, tra un intervento e un altro della fisarmonica. Come nella miglior tradizione dylaniana, in Visions Of Johanna confluiscono echi biblici e rimandi letterari – al poeta T.S. Eliot, ad esempio, uno dei prediletti dal giovane Dylan. Giovane, Dylan lo era davvero. Blonde On Blonde, uno dei suoi album-capolavoro, uscì nel 1966, quando aveva ventitré anni. Il testo del pezzo comparve sulle riviste più alla moda, come fosse una poesia, una misteriosa magia di parole che continuano a incantare. “It’s so hard to get on /And these visions of Johanna they kept me up past the dawn”.

Ste Tirasso
Nato nel 1991 a Genova. Fumettista e illustratore, ha esordito nel 2016 con Ricomincia da Qui (BAO Publishing). È co-fondatore di Rebigo, studio di illustrazione basato a Genova con cui sviluppa diversi progetti editoriali. Lavora nell’editoria e nella pubblicità, ma nel tempo libero legge un sacco, guarda cartoni animati e si sforza di arrotolare peggio che può le poche sigarette che fuma.

| lov 144
| Vision Of Johanna
| Bob Dylan
| Ste Tirasso
<< Trascina con il mouse per vedere l'illustrazione >>
<< drag me >>